:: CHI E' GAIA :: LE RISORSE DI GAIA :: NEWSLETTER :: AIUTO
5x1000_a_gaia_italia

Prossimi Eventi

Nessun evento
QUATTROZAMPE

Registrati

Informazioni per i registrati nel periodo 1996 - 2008



Link

DIAMOCI LA ZAMPA
www.diamocilazampa.it
ECO IDEARE
www.ecoideare.it
DOGALIZE
www.dogalize.com 
Condividi su facebook

In linea ora

 17 visitatori online
cani-facebook           ADOZ_96             LogoEcoAlfabetoLibriGaia            nebbia giorgio     Image_1

loghinoLa sera di sabato 30 ottobre, un gruppo di giovani animalisti e ambientalisti, in maggioranza ragazze, sono stati prima rincorsi e inseguiti a Correzzana (MB) e infine minacciati e aggrediti da un manipolo di ragazzotti armati di spranghe e bastoni che urlavano “Viva il Duce, Viva Hitler” e “Sparite comunisti di merda!”.

L’inquietante episodio di violenza di ieri sera finirà in Parlamento e in Consiglio provinciale di Monza e Brianza, grazie a due interrogazioni urgenti che saranno presentate da una deputata radicale eletta con le liste del PD e dal consigliere provinciale del PDL, Luca Procaccini.

Gli ambientalisti del Coordinamento “Fermiamo Harlan”, Gaia Onlus e Animalisti Italiani, accompagnati dall’ex deputato Stefano Apuzzo, portavoce di Gaia, stavano incasellando volantini di condanna della vivisezione e dell’allevamento “Harlan” che ha sede proprio a Correzzana. L’enorme capannone colmo di animali, sito in Via Fermi 8, fa parte dell’azienda multinazionale che alleva cani, gatti, conigli e altri animali destinati ad essere torturati nei laboratori di vivisezione. Il Gruppo di giovani ambientalisti stava volantinando e incasellando quando sono apparsi due figuri, usciti dallo stabilimento Harlan (uno dei quali sarebbe stato identificato come il responsabile della sicurezza dell’azienda), che hanno iniziato a seguire minacciosi con la propria auto gli animalisti, sfrecciandogli vicino. Uno dei due figuri di “Harlan” si è anche fiondato in un bar in piazza uscendone trafelato.

fotolushdaphneandbaggylightTutti i centri commerciali del Comune di Rozzano, alle porte di Milano, hanno abbandonato buste e shopper di plastica in anticipo di circa 3 mesi rispetto al divieto imposto dalla Legge, il recepimento di una Direttiva europea che fissa la “dead line” al 31 dicembre 2010.

L’obiettivo è stato raggiunto grazie al lavoro di mesi dell’Amministrazione, con il Sindaco, Massimo D’Avolio e gli Assessori all’Ambiente e all’Ecologia, l’ambientalista Stefano Apuzzo (portavoce dell'associazione Gaia) e Ciro Piscelli, i quali hanno convinto e raccolto la disponibilità dei direttori di tutti i centri commerciali del territorio.

loghinoQuasi 20 associazioni animaliste, tra le quali Gaia, promuovono una raccolta firme per l'abolizione delle "botticelle" di Roma.

Oipa, Lav e altre associazioni consegnano lunedì 25 ottobre al sindaco di Roma Alemanno e agli assessori De Lillo e Marchi LE PRIME 5000 FIRME A SOSTEGNO DELLA PETIZIONE PER L’ABOLIZIONE DEL SERVIZIO DELLE CARROZZE TRAINATE DA CAVALLI.

Le associazioni CHIEDONO LA CONVERSIONE OBBLIGATORIA ALLA BOTTICELLA ELETTRICA.

CONFERENZA STAMPA
LUNEDI’ 25 OTTOBRE 2010 – ORE 10:30
SALA DEL CARROCCIO
PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO, ROMA

VERRÀ UFFICIALIZZATO IL PROSEGUIMENTO DELLA RACCOLTA FIRME, CHE ANDRÀ AVANTI FIN QUANDO LA VOLONTÀ DELLA MAGGIORANZA DEI CITTADINI, CONTRARIA ALLE BOTTICELLE, NON VERRÀ RISPETTATA. LA PETIZIONE E’ STATA SOTTOSCRITTA DA UN CARTELLO DI 17 ASSOCIAZIONI: OIPA, LAV, NO ALLA CACCIA, AVA, CAVALLO SCALZO, CHILIAMACISEGUA, CONFIDO NEL CUORE, IL MIO CAVALLO, IVEGAN, FRECCIA 45, LEAL, Gaia ANIMALI&AMBIENTE, LE CODE FELICI, LIDA, PET VILLAGE, PROEQUO, WE HAVE A DREAM.

Ecco il testo della PETIZIONE POPOLARE PER L’ABOLIZIONE DELLE “BOTTICELLE” A ROMA

patricia 037COME TRATTARSI PER FAVORIRE IL RILASSAMENTO DEL CORPO E DELLA MENTE
Presentazione del corso con Elena Erba mercoledì 20 ottobre 2010
 ore 19:00 presso il centro yoga Sankara a San Felice

Aperto alle coppie, ma anche a chiunque voglia conoscere un semplice trattamento da offrire ai propri familiari e amici. Se è vero che occorrono molti anni per studiare e praticare professionalmente lo shiatsu, è anche vero che conta di più “chi” lo fa, piuttosto che la tecnica in sé. Tutti hanno sicuramente sperimentato l’efficacia del tocco amorevole della mamma, o di una mano amica, in grado di portare beneficio e sollievo al momento opportuno. E tutti abbiamo in noi queste capacità innate, di cui spesso non siamo a conoscenza.

In questo breve corso pratico (ri)scopriremo le nostre naturali abilità di portare beneficio tramite le nostre mani, supportati da alcune facili tecniche shiatsu.

PROGRAMMA DEL CORSO (8 lezioni di 2 ore)