:: CHI E' GAIA :: LE RISORSE DI GAIA :: NEWSLETTER :: AIUTO
5x1000_a_gaia_italia

Prossimi Eventi

Nessun evento
QUATTROZAMPE
Condividi su facebook
cani-facebook           ADOZ_96             LogoEcoAlfabetoLibriGaia            nebbia giorgio     Image_1

caneKimberly è in canile dal 2006. La sua padrona non c'è più. Nessuno poteva prendersene cura e per lei si sono aperte le porte del canile. Inizialmente non si dava pace, non capiva cosa le fosse successo, piangeva continuamente e rifiutava il cibo. Poi si è rassegnata e giorno dopo giorno si è ambientata e affezionata ai volontari.

Alberto è stato trovato da una coppia di turisti in Sardegna. Era uno dei tanti randagi del Sud. Affidato alle cure di una gattara è stato successivamente trasferito in Rifugio. Alberto è un cane dolce e affettuoso, anche se a volte è un po’ troppo irruento. Gli piace essere coccolato.

Spino ha vissuto in stato di semi-abbandono, senza cure e senza affetto, in un recinto di uno sfasciacarrozze. Lo abbiamo ripulito e rifocillato. Si è subito ambientato alla nuova realtà fatta si di gabbia, ma anche di coccole, cure e leccornie! Ulula dal box per farsi notare e non appena libero è uno spettacolo vederlo correre per i prati. E' affettuoso ed anche ubbidiente quando vuole ma sa essere anche molto testone. Sa cosa vuole e se non lo ottiene si impunta.

Sono solo alcuni fra i tanti “veterani di rifugio”, cani con poche speranze di trovare una nuova famiglia magari perché un po’ spelacchiati, oppure perché anzianotti o troppo grossi e ingombranti. Ma con la stessa voglia di vivere dei cucciolotti. Come aiutarli? Adottandoli a distanza. E’ la formula adatta a chi vuole dare una mano ai cani abbandonati e, per i motivi più svariati, non può portarsene a casa nemmeno uno. Per adottare a distanza Kimberly, Alberto, Spino o qualcuno dei tanti quattrozampe (anche gatti!) ospitati dai rifugi che Gaia aiuta si invia un contributo mensile di 16 euro: in cambio si riceverà un attestato di adozione con la foto del proprio “protetto”, con il nome e la storia della sua vita. L’adottante a distanza non ha doveri se non il versamento mensile, che può sospendere quando vuole. Grazie all’adozione a distanza siamo riusciti a salvare molti più cani del previsto. E abbiamo fatto felici molte persone. Che contribuiscono al mantenimento di molti cani e gatti ospiti presso i rifugi di Vigevano (PV), Mortara (PV), Gaggiano (Mi). Canili e gattili che sopravvivono grazie all’aiuto di volontari che ogni giorno fanno i conti con le necessità quotidiane dei loro beniamini: cibo, una cuccia dignitosa, cure veterinarie adeguate.

COME FARE: E’ sufficiente versare 16 euro al mese, specificando la causale “adozione a distanza” ed eventualmente il nome del proprio beniamino.

Si può scegliere fra due modalità di pagamento:

- bollettino postale o bonifico sul c.c. postale: IBAN IT82 E076 0101 6000 0004 6940 599 intestato a Gaia Animali&Ambiente Onlus – C.so Garibaldi 11 – 20121 Milano;

- bonifico bancario sul c.c. bancario: IBAN IT74 J030 6909 6061 0000 0119 549 presso Banca IntesaSanPaolo  – Milano intestato a Gaia Animali&Ambiente - C.so Garibaldi 11 - 20121 Milano

(N.B. Specificare sempre il proprio nome, email e indirizzo completo per poter ricevere l’attestato e i successivi aggiornamenti)

Info: email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  – www.gaiaitalia.it

 

pate_ingredienti320L'ASSOCIAZIONE DIAMOCI LA ZAMPA

organizza per lunedì 23 novembre  -alle ore 20.30-

presso il ristorante CARLSBERG 0L - Via Solferino 53 (entrata Bastioni di Porta Nuova 9/11) Milano
 
una cena vegetariana in aiuto ai nostri amici quattrozampe!!!!
 
Si tratta di una gustosa occasione per incontrare i volontari dell’associazione (con cui Gaia Animali & Ambiente collabora attivamente), per chiacchierare di animali, per parlare dei programmi futuri dell’associazione e per passare...un’allegra serata insieme e contribuire a dare un piccolo aiuto ai trovatelli ...

Il menù è rigorosamente e gustosamente vegetariano.

Il costo della cena è di Euro 25,00 e parte del ricavato sarà devoluto al mantenimento dei trovatelli dell’associazione Diamocilazampa.

La presenza degli animali (e di cani in particolare) nelle famiglie italiane è un fenomeno di grande rilievo che non accenna a diminuire. Si tratta anzi di un fenomeno in costante crescita.
Circa una famiglia su due in provincia di Milano vive con almeno un animale domestico.
In Italia sono circa 8 milioni i gatti e 7 milioni i cani che abitano con noi nelle nostre case.
Si calcola che in provincia di Milano ci sia un cane ogni dieci abitanti: all’incirca, dunque, 380 mila animali.
Nella sola città di Milano sono iscritti in anagrafe canina 160.000 cani. I gatti sono poco di più.

Il fenomeno dell’abbandono (e dello smarrimento). Qualche dato
Cani abbandonati in Italia ca. 100.000/anno
Cani randagi  
200.000
vaganti
600.000
rinselvatichiti
80.000
Cani transitati nei canili pubblici della Lombardia ca. 11.000/anno
Cani entrati nel canile municipale di Milano ca. 1.000/anno









Gli abbandoni in autostrada sono meno frequenti di un tempo; nel quinquennio 2003-2008 si è registrato, rispetto al quinquennio precedente, una diminuzione vicina al 60%. Cani e gatti vengono abbandonati però in altri luoghi, ad esempio davanti ai canili, nei centri cittadini e in prossimità dei luoghi di villeggiatura.
Nei mesi di giugno - luglio - agosto vi è il massimo picco di abbandoni: si stima ammontino –in tutta Italia- a circa 60.000 nei tre mesi. Ciò equivale a 20.000 al mese, circa 650 cani abbandonati al giorno. Il che significa che, nei tre mesi “caldi”, sul territorio nazionale, si assiste in media a 25 abbandoni del migliore amico dell’uomo all’ora, un abbandono ogni due minuti.
Il Ministero della Salute, in una tabella del 2005, dichiara una popolazione presunta di 461.000 cani randagi e 230.000 cani ospitati nei canili. Secondo le stime delle più accreditate associazioni animaliste a livello nazionale i cani detenuti in canili di vario genere sarebbero invece oltre 1.600.000.
In Lombardia, secondo i dati del Servizio veterinario della Regione, le Asl recuperano circa 11mila cani abbandonati (o smarriti) ogni anno, 900 al mese, più di 30 al giorno.
Un censimento svolto (sotto la Giunta Penati) dall’Ufficio Diritti Animali della Provincia di Milano presso i 189 Comuni della provincia ha permesso di stimare che gli enti locali spendono complessivamente ca. 3 milioni e mezzo di euro per il mantenimento in rifugio dei cani accalappiati sul proprio territorio (media / Comune: 12.500 euro all’anno). Quei Comuni che hanno istituito Uffici Diritti Animali o hanno promosso campagne di adozioni dei cani hanno visto dimezzare in un anno la spesa di mantenimento degli stessi.
Società Autostrade ha calcolato che in un decennio sono stati 45.000 gli incidenti stradali causati da animali vaganti sulla sola rete autostradale, con 4.000 feriti e 200 morti

L’abbandono è un reato penale.
La legge 281/1991 e la legge 189/2004 prevedono l’arresto fino a 1 anno e supermulte da 1.000 a 10.000 euro per chi abbandona animali.

Diamo i numeri
189/2004 il numero della legge che prevede l’arresto per i maltrattamenti e l’abbandono di animali
200 le persone decedute negli ultimi 10 anni in incidenti stradali con protagonisti animali vaganti (dato della sola rete autostradale)
281/91 il numero della legge che dovrebbe tutelare contro l’abbandono degli animali e contro il randagismo
1000 la cifra minima in euro che paga chi viene condannato per il reato di abbandono di un animale domestico
1991 l’anno in cui è nata la legge per la tutela degli animali e del randagismo
2004 l’anno in cui è nata la legge contro i maltrattamenti agli animali
4.000 le persone coinvolte in incidenti d’auto causati dagli animali vaganti negli ultimi 10 anni sulla sola rete autostradale
10.000 la cifra massima in euro che paga chi viene condannato per reato di abbandono di un animale domestico
45.000 il numero degli incidenti d’auto causati dagli animali vaganti in 10 anni  sulla sola rete autostradale
100.000 i cani abbandonati ogni anno in Italia
160.000 i cani che abitano in famiglia a Milano (cani iscritti all’anagrafe canina)
380.000 i cani che abitano in famiglia in Provincia di Milano
750.000 i cani e gatti che abitano in famiglia in Provincia di Milano
3.500.000 gli euro che spendono annualmente i 189 Comuni del territorio provinciale per mantenere i cani accalappiati nei canili
7.000.000 i cani di proprietà in Italia

(dati elaborati da Edgar Meyer, presidente di Gaia Animali & Ambiente )