:: CHI E' GAIA :: LE RISORSE DI GAIA :: NEWSLETTER :: AIUTO
5x1000_a_gaia_italia

Prossimi Eventi

Nessun evento
QUATTROZAMPE
Condividi su facebook
cani-facebook           ADOZ_96             LogoEcoAlfabetoLibriGaia            nebbia giorgio           Menù Vegetariano
ANCHE TU UCCIDI I GORILLA!
09il massacro dei gorilla inizia dal tuo soggiorno! Un'idea utile e' quella di stampare questo testo e distribuirlo ad amici, conoscenti, mandarlo via e-mail, volantinarlo in mobilifici, da Foppa Pedretti, Uno Piu', Due più, Brico Center etc.

Le foreste millenarie africane trasformate in mobili e pannelli. Da dove arrivano e quante vite innocenti sono costati i legni pregiati o meno pregiati che adornano le nostre case e i nostri giardini?
Dall'Africa sub sahariana: Gabon, Costa D'Avorio, Zaire, Nigeria, ecc: mogano, akatio, abura bahia, ayous samba, mansonia, amazoque' noce, afrormosia (falso teak-pericopsis elata), frake', iroko, niangon, okoume', padouk, sipo, sapelli, doussie' apa, koto', bibolo, bubinga, acajou' moabi.
Da Indonesia e Malesia: meranti-ramino (causa dello sterminio degli Oraungoutan).
Da Birmania, Laos, Tailandia: teak (80% dalla Birmania)
Dal Sud America: lenga, tauari', cedrella, mogano.
Dal Centro-Sud America: ipe'.

Alcune specie sono incluse nell'appendice III della Cites, altre devono avere il certificato della FSC (Forest Stewardship Council) rilasciato alle aziende forestali che rispettano le regole del "taglio sostenibile".

La verità è che il mercato si muove anche con molti sotterfugi, false dichiarazioni di origine, false dichiarazioni di appartenenza a zone di ripopolamento o falsi nomi dati ad essenze protette.
Inutile a dirsi: i controlli sono scarsi ed eseguiti con personale locale insufficiente e facilmente corruttibile.

Chiediamo ai produttori, agli arredatori, agli architetti, ai brico center ed ai rivenditori di scegliere soltanto legni provenienti dalle silvicolture del nord Europa o da foreste certificate, gestite secondo severi parametri di sostenibilità ambientale.
Le foreste africane non sono e non possono essere gestite in maniera sostenibile:
lo sa bene chiunque, come noi, abbia visitato i Paesi africani di foresta.
Il consumatore non e' quasi mai consapevole di cio' che compra e delle cause drammatiche dei suoi acquisti.
Se interveniamo con una forte opera di sensibilizzazione, finalmente, inizierà a chiedere garanzie.
E se le garanzie saranno false saranno smascherate producendo sul rivenditore una catena di effetti negativi, primi tra tutti il boicottaggio dei suoi punti vendita.
08Sul massacro dei gorilla e scimpanze' abbiamo prove documentate da filmati (CNN, Telefrance ed altri) e relazioni piu' che sufficienti a giustificare questa forte e capillare campagna di sensibilizzazione e comunicazione.
Dobbiamo dire chiaramente agli italiani:
"Incomincia da casa tua a difendere anche le popolazioni tribali",i Pigmei, i Penang, i Serok, gli Yanomami ecc. e gli animali che vivono nelle foreste (orangoutang, siamango, tigre, armadillo....).
Vediamo alcuni esempi di come si trasforma la foresta pluviale nelle nostre case:
teak (tectona grandis) per arredare il bagno, salone
ipe' (tabebuia spp) per i mobili del terrazzo, parquet,
ramino (gortystylus spp) per i mobili della cucina
moabi (bailonella taxisperma) per le porte
ayous (triproclyton scleroxylon) per gli zoccolini
frake' (terminalia superba) per il parquet
okoume' per arredare la barca, come sottile anima dei compensati e di molti mobili.

Claudio Trovò, Stefano Apuzzo