:: CHI E' GAIA :: LE RISORSE DI GAIA :: NEWSLETTER :: AIUTO
5x1000_a_gaia_italia

Prossimi Eventi

Nessun evento
QUATTROZAMPE

Registrati

Informazioni per i registrati nel periodo 1996 - 2008



Link

DIAMOCI LA ZAMPA
www.diamocilazampa.it
ECO IDEARE
www.ecoideare.it
DOGALIZE
www.dogalize.com 
Condividi su facebook

In linea ora

 41 visitatori online
cani-facebook           ADOZ_96             LogoEcoAlfabetoLibriGaia            nebbia giorgio           Menù Vegetariano

sfilata cani dlz - margheritaMilano capitale del cane simpatia, sfilata canina aperta a tutti
Best in show, Pest in show, Skizzo, Fedeltà ecc

E siamo giunti al quarto di secolo! Domenica 27 arriva la 25a edizione del Raduno Cani Simpatia che si terrà a Milano (nella splendida cornice del Parco Forlanini, entrata Via Taverna).

Una giornata in allegria, assieme al proprio pet. Questo è il “succo” della sfilata canina organizzata dalle associazioni Diamoci La Zampa e Gaia Animali & Ambiente, da decenni attive contro l’abbandono e il randagismo. La sfilata, aperta a tutti i cani e non solo a quelli di razza, è una “gara” dove pedigree, eleganza e acconciature non contano: conta solo la simpatia. “In questa kermesse”, spiega il portavoce Edgar Meyer, anche meticci, bastardini e trovatelli possono aspirare alla coccarda dei “vincitori”, sfilando accanto ai loro padroni con la stessa gioia e voglia di partecipare dei loro più quotati fratelli di razza”.

Vince, infatti, l’allegria: saranno premiati il più simpatico gigante (con la coppa “Taglie forti”), il più allegro “Pesi medi”, il più scavezzacollo “Mini” e il cucciolo più discolo. Ma ci sono anche il Premio Skizzo e Buonanotte, che vanno rispettivamente al cane che avrà sfilato trafelato e velocissimo e a quello che invece, durante la kermesse, se l’è presa decisamente comoda. Non manca un premio tradizionale: quello “Fedeltà”, per il quattrozampe da più anni con il suo compagno umano. La giuria avrà un occhio di attenzione per gli ex sfortunati: in palio ci sono le coppe “Più simpatico adottato da un canile” e, sempre commovente, il “premio Trovatello”, per il più “brigante” adottato dalla strada. Non mancheranno, ovviamente, il Best in Show e il…Pest in show, per il più scavezzacollo di tutti. Ai 25 vincitori verrà regalato anche un abbonamento digitale alla rivista Quattro Zampe, in partnership con l’evento.

apuzzoguardiecontrolovenatoriorozzanolightDomenica 20 settembre si apre la caccia in provincia di Milano.  Massima vigilanza e una nuova area protetta a Rozzano.

Il Consiglio Direttivo dell’ATC Pianura milanese (Ambito Territoriale di Caccia), su proposta dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Rozzano, sostenuta dal Consigliere ambientalista Gottardi (WWF), ha approvato l’istituzione della Zona di Ambientamento e Rifugio in aree contigue al  Parco delle Rogge, con divieto di caccia. I nuovi divieti saranno vigenti contestualmente con l’apposizione dei cartelli di divieto che saranno installati dai responsabili dell’ATC, presumibilmente la prossima settimana.

A Rozzano si vigilerà in particolare al Parco delle Rogge, nel quale le aree interdette alla caccia sono state tabbellate dall'ATC (Città Metropolitana - Provincia di Milano) con il divieto di caccia. Dalla mattina presto l’Assessore all’Ambiente, Stefano Apuzzo (che è anche fondatore e portavoce di Gaia Onlus) e l’Assessore alla Sicurezza, Marco Ercoli, batteranno a tappeto  il Parco delle Rogge con le GEV, Guardie Ecologiche Volontarie e due guardie venatorie volontarie della LAC e i volontari di Gaia Onlus.

gaia - campagna anti-vivisezionedi Edgar Meyer

Se io devo andare da Milano a Bergamo ho varie opzioni: posso andare a piedi, inforcare una moto, prendere l’auto, il treno, un bus, andare in triciclo… Arriverò comunque alla meta, ma la tempistica è diversa. E il disagio del viaggio pure…

Ecco, la vivisezione è il triciclo. Si cerca il “progresso” della scienza con il triciclo…Non che la sperimentazione animale non abbia portato a dei risultati: tutti i farmaci che usiamo oggi sono frutto di vivisezione, e i favorevoli alla sperimentazione animale sostengono proprio questo. “Chi vuole abolire la vivisezione vuole cancellare la scienza! Chi vuole abolire la vivisezione non dovrebbe più prendere alcun farmaco, nemmeno contro il mal di testa!”. Non è così. La vivisezione è il triciclo. Anche lei arriva a Bergamo. Ma a costo di un viaggio lunghissimo, di un dispendio di energia elevatissimo, di disagi tremendi.

Noi vogliamo prendere il treno, l’auto, la moto. Arrivare a risultati più rapidi e con meno dolori. Imboccare una strada nuova. Il modello animale è spesso fuorviante. Porta spesso a risultati sbagliati, cioè fa sbagliare strada. Ed è terribilmente ingiusto, violento, barbaro. La vivisezione affonda le sue radici nell’Ottocento. Vogliamo cambiare la scienza. Vogliamo una scienza nuova, moderna, al passo con il terzo Millennio. Ai giovani ricercatori diciamo: “stay hungry, stay foolish”, come diceva l’inventore del computer, che ha cambiato il mondo. Cambiate la scienza. Abbandonate il triciclo, vecchio arnese arrugginito. Inforcate la moto, prendete il treno. Battete nuove strade. Siete giovani. Si spera brillanti. Fate la storia, invece di ripetere stanche formule che vi hanno insegnato vecchi baroni.

verde urbanodi Giorgio Nebbia

L'attitudine di una società verso il verde è un indicatore di molte cose importanti. Se ci si guarda intorno si vedono molte persone eccellenti che senza dubbio amano il verde; le loro case sono abbellite di piante curate e costose; nelle riunioni di condominio accettano rilevanti spese per abbellire il cortile con alberi esotici. Il loro comportamento cambia completamente nei confronti del verde pubblico, degli ultimi alberelli rimasti nelle nostre strade, degli ultimi pezzi di campagna rimasti intrappolati fra le case. Il poco verde residuo viene spazzato via senza rimorsi per far posto a strade, nuovi edifici, parcheggi di asfalto, i veri segni del "progresso"!

La crisi del verde urbano in molte grandi città nasce da questa doppia attitudine, di rispettosa cura per il verde privato, strano e costoso, e di totale disprezzo per il verde collettivo. Eppure il verde urbano non è una cosa inutile, un arredo superfluo.